Trenino Rosso del Bernina: gli incidenti

bernina

 

Il Trenino Rosso del Bernina, così come il Titanic, non è indistruttibile. A volte gli incidenti accadono, così com’è accaduto nell’agosto dell’anno scorso, quando il treno è deragliato per una frana nei pressi di St. Moritz.

Un episodio drammatico, come ha riportato la società ferroviaria Rhätische Bahn RhB (RhB), in cui sono stati riscontrati 11 feriti, di cui 5 in gravi condizioni.

Cronaca del deraglio del 2014

deraglioIntorno alle ore 13 del 14 agosto 2014, il famoso convoglio è finito fuori dai binari nei pressi del comune di Tiefencastel, nel Cantone dei Grigioni, a circa 50 chilometri da St Moritz. Il trenino, che viaggiava da St Moritz a Coira, aveva a bordo circa 200 passeggeri, che sono stati immediatamente soccorsi sia dalla polizia che dai vigili del fuoco. Dopo aver escluso la presenza di morti nell’incidente, le forze dell’ordine hanno trasportato gli 11 feriti in ospedale, e portato in salvo alcune persone in elicottero.

Due i vagoni deragliati, secondo quanto precisato dalla polizia locale, di cui uno è scivolato per circa 10-20 metri, per venire poi trattenuto dagli alberi.

Contrariamente a quanto si pensava in un primo momento, il treno non era uno dei Glacier Express, ma uno regionale con una locomotiva del Glacier Express, con un percorso più breve.

Il collegamento ferroviario tra Thusis e Tiefencastel, dopo l’accaduto, è stato interrotto, e sono stati attivati dei bus sostitutivi ai treni.

Incidenti del Glacier Express

incidenteIl Glacier Express, uno dei famosi treni che in estate parte da St. Moritz e arriva a Zermatt, è stato più volte protagonista di incidenti abbastanza gravi, come quello del luglio 2010, in cui ben tre carrozze deragliarono e due si rovesciarono, provocando un morto e 42 feriti, di cui la maggior parte era giapponese.

Nel 2004, poi, lo scontro tra l’ “Espresso dei ghiacciai” e un treno regionale, causò il ferimento di 12 persone, anche in quell’occasione in gran parte di nazionalità giapponese. Semplice coincidenza?

La linea in questione, costruita negli anni Venti, nell’epoca in cui le Alpi svizzere vennero prese d’assalto dal jet set mondiale, ha visto il suo battesimo il 25 giugno 1930, percorrendo la tratta da Zermatt a St. Moritz. Da allora percorre un tragitto attraversando 91 tunnel e passando per 291 ponti, sfrecciando per oltre 7 ore. I turisti a bordo possono ogni volta ammirare uno straordinario paesaggio alpino dalle ampie finestre panoramiche, riuscendo così a vivere un’esperienza davvero indimenticabile, con diverse attrazioni lungo tutta la tratta.

Natura, relax, aria pulita e una corsa in treno diversa da solito, tenendo però sempre ben presente che, gli incidenti, possono succedere anche a bordo del Bernina Express. Questo non deve comunque essere una scusa per non provare, almeno una volta, l’emozione di salire sul mezzo di trasporto rosso più conosciuto al mondo.

Per maggiori informazioni, cliccare QUI.

Krizia Ribotta

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Comments are closed.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.